Accueil du site - Contact

FEDERAZIONE DEI CONSIGLI OPERAI E DEI SINDACATI IN IRAQ - FWCUI

La Federazione è stata fondata l’8 dicembre 2003, giorno del suo primo congresso a cui erano presenti rappresentanti di parecchi sindacati, di consigli eletti e di comitati promotori in diversi impianti, industrie e fabbriche.

Prima del congresso il nome della Federazione era "Comitato Promotore per la fondazione dei consigli operai e dei sindacati in Iraq", il quale aveva già sovrinteso alle elezioni in molte fabbriche ed imprese.

Lo slogan del sindacato è: il potere della classe operaia sta nella sua unità ed organizzazione. Lo scopo principale del sindacato è la formazione di organismi dei lavoratori eletti direttamente dai lavoratori stessi, senza subire l’autorità di guardiani o di leader di stampo governativo o partitico.

Sono sempre gli stessi lavoratori che gestiscono l’elezione delle organizzazioni di riferimento senza discriminazioni fondate sulla lingua, la religione o l’appartenenza politica.

Il sindacato fa proprie le richieste dei lavoratori e difende i loro interessi sia eliminando l’ingiustizia che incombe sui lavoratori esposti a maltrattamenti o licenziamenti, sia avanzando richieste per migliorare il loro livello di vita e le prospettive di benessere sociale, sia organizzando le proteste per il soddisfacimento dello loro richieste.

Il sindacato si batte per la libertà di organizzazione, l’incondizionata libertà politica e la libertà di sciopero e di manifestazione.

Il sindacato chiede una legislazione del lavoro moderna che sia in armonia con i livelli di vita civilizzati ed in conformità con le più recenti conquiste del mondo civilizzato.

Il sindacato si batte per il continuo adeguamento dei salari.

Il sindacato considera l’unità della classe lavoratrice in Iraq una delle maggiori priorità e di conseguenza rifiuta qualsiasi divisione esercitata sulla base della lingua, della religione, della dottrina o sulla base delle differenze amministrative o regionali.

Il sindacato mantiene buone e forti relazioni con molti altri sindacati a livello internazionale e con molte altre organizzazioni umanitarie e del mondo del lavoro. Siamo stati invitati a molti incontri internazionali e meetings regionali come ad Amman nel dicembre 2003, a Genova nel marzo 2004, alla conferenza in Giappone del maggio 2004 ed al congresso annuale dell’International Labour Organization nel giugno 2004, come pure ad una conferenza nello stato del Missouri in USA nell’aprile 2004.

Parecchie delegazioni internazionali di organizzazioni sindacali hanno visitato le nostre sedi centrali ed hanno incontrato i dirigenti del sindacato.

Il sindacato pubblica in arabo il giornale "Consigli Operai".

Data la situazione eccezionale in Iraq, il sindacato tiene il suo congresso ogni 6 mesi, per poter aggiornare costantemente le nostre posizioni alla luce degli sviluppi più recenti nell’area politica interna ed esterna all’Iraq.

Il sindacato si sta ora preparando a tenere il suo secondo congresso a cui parteciperanno rappresentanti di consigli e sindacati provenienti da tutti i governatorati dell’Iraq.

La sede centrale del sindacato si trova attualmente a Baghdad, all’ingresso della Al-Rasheed Street, vicino a Piazza Al-tahreer.

STATUTO

Art.1

Il nome dell’organizzazione è Federation of Workers’ Councils and Unions in Iraq-FWCUI

Art.2

Lo slogan dell’organizzazione è:il potere della classe lavoratrice sta nella sua unità ed organizzazione

Art.3

Scopi dell’organizzazione:

3-1Costruire consigli e sindacati eletti direttamente dai lavoratori all’interno delle fabbriche, delle officine, delle imprese.

3-2 Difendere gli interessi dei lavoratori ed i loro diritti principali, chiedere l’espansione delle loro libertà e migliorare i loro livelli di vita e la loro partecipazione per il controllo sulle loro vite e sul loro destino politico.

3-3 Salvaguardare i diritti delle donne e la loro totale uguaglianza con gli uomini nel salario e nei diritti civili, come pure in tutta la legislazione relativa agli assegni di disoccupazione e di pensione.

Art.4

Metodi di organizzazione adottati:

4-1 Presenza continua all’interno delle fabbriche, delle officine, organizzare per i lavoratori seminari e conferenze.

4-2 Costruire consigli operai e sindacati nei posti di lavoro.

4-3 Partecipare a congressi ed attività che favoriscano la crescita della formazione teorica dei lavoratori, informandoli delle linee politiche, delle analisi e delle aspirazioni del sindacato.

Art.5

La federazione limita la sua attività ai confini dell’Iraq.

Art.6

Il giornale della federazione è "i consigli operai" (al-Majaaalis al-Ummaliyah).

Art.7

Adesioni: Ogni lavoratore in Iraq ha facoltà di iscriversi ai consigli ed ai sindacati che costituiscono la federazione indipendentemente dalla sua nazionalità.

Art.8

Il Congresso Generale è la massima istanza della federazione ed è convocato in assemblea ogni 6 mesi.

Art.9

Il comitato direttivo della federazione viene eletto dal congresso con voto diretto, libero e segreto ed è la maggiore autorità all’interno della federazione tra un congresso e l’altro.

Art.10

Il comitato direttivo assume il nome di Comitato della Presidenza della FWCUI

Art.11

Il comitato si conforma ad ogni risoluzione ed ordine del giorno del congresso e lavora per la loro realizzazione.

Art.12

Responsabilità del Comitato di Presidenza:

12-1 Rappresentare la federazione nelle relazioni nazionali ed internazionali con tutte le organizzazioni ufficiali, i sindacati internazionali e tutte le organizzazioni ed i partiti politici.

12-2 Costituire comitati specifici e nominare consulenti con mandato limitato nel tempo.

12-3 Sovrintendere alla formazione di sindacati ausiliari ai consigli e sindacati compresi nella federazione.

12-4 Nominare rappresentanti all’estero con relative credenziali.

Falah Alwan - Presidente della FWCUI

Aso Jabbar -rappresentante della FWCUI all’estero

www.uuiraq.org

Traduzione a cura di Fdca/Ufficio Relazioni Internazionali

Traductions
English
Italiano
Deutsch
Castellano
Other
Português

Thèmes
Situation sociale
Mouvement social
Femmes
Laïcité
Vie de l’asso
Résistances
Moyen Orient
Occupation
Analyses
Réfugié-es
Actions
Témoignage
Photo
Prisons
International
Minorités sexuelles

Auteurs
Fédération des conseils ouvriers et syndicats en Irak
Congrès des libertés en Irak
Solidarité internationale
Parti communiste-ouvrier d’Irak
Fédération internationale des réfugiés irakiens
Yanar Mohammed
Solidarité Irak
Nicolas Dessaux
Houzan Mahmoud
Stéphane Julien
Olivier Théo
Falah Alwan
Bill Weinberg
Organisation pour la liberté des femmes en Irak
Mansoor Hekmat
Azar Majedi
SUD Education
Camille Boudjak
Parti communiste-ouvrier du Kurdistan
Karim Landais
Muayad Ahmed
Richard Greeman
Tewfik Allal
Alexandre de Lyon
Fédération irakienne des syndicats du pétrole
Yves Coleman
Olivier Delbeke
Regroupement révolutionnaire caennais
Vincent Présumey

Dernières nouvelles
- The Network of Anti-Trafficking in women had held the ninth conference in Dhi Qar in Commerce Hall in Nasria province.(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI’s staff distributing the first deliveries from the food bags on women and children in the Eastern side of Mosul(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI’s reception center in the front lines of Rubida village(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI staff distribute flour bags(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI refused the Women of Courage Award from the Department of Foreign Affairs of the US(OWFI - 9 août 2017)
- March 8th : A day in opposition against the genocide on the people of Mosul(OWFI - 9 août 2017)
- Important New Support for OWFI’s Work from European Funders(OWFI - 12 février 2017)
- Bread Baking Stoves and Supplies Empower Women in IDP Camp to Feed and Support Many Others(OWFI - 12 février 2017)