Accueil du site - Contact

La centrale elettrica di Musseyba trasformata in base militare Usa

La centrale elettrica di Musseyba trasformata in base militare Usa

Le forze armate statunitensi hanno trasformato in base militare la centrale elettrica della città di Musseyba, nei pressi di Baghdad.

I lavoratori di questa impresa soffrono ogni giorno delle provocazioni e delle angherie nel corso delle perquisizioni, alle quali sono sottoposti sia all’entrata sia all’uscita della loro fabbrica, come se entrassero all’interno di una caserma.

Questa presenza ha fatto della centrale l’obiettivo permanente di bombardamenti, che hanno provocato danni e il ferimento di diversi membri del personale.

I soldati americani hanno causato anche il deterioramento delle materie prime, necessarie al prosieguo dell’attività della centrale. Hanno infatti utilizzato gli hangar di stoccaggio come loro alloggi e spostato le materie prime all’aperto.

Eppure, i bisogni enormi del paese in tema di energia elettrica richiedono la disponibilità continua dei mezzi di manutenzione e di questi prodotti, così come un’atmosfera propizia al lavoro. Ma questo è ostacolato dalla presenza delle forze americane.

E’ così che la produzione è crollata da 1200 Mwh a 600 Mwh. Il grande deficit energetico del paese ha bisogno tuttavia dell’aumento sensibile della produzione.

Così, questi lavoratori chiedono l’evacuazione immediata delle forze statunitensi dalla loro azienda e chiedono al loro sindacato ( FCOSI) di portare le loro rivendicazioni nei fori nazionali e internazionali.

Articolo originale

(Traduzione di Paola Mirenda)

Traductions
English
Italiano
Deutsch
Castellano
Other
Português

Thèmes
Situation sociale
Mouvement social
Femmes
Laïcité
Vie de l’asso
Résistances
Moyen Orient
Occupation
Analyses
Réfugié-es
Actions
Témoignage
Photo
Prisons
International
Minorités sexuelles

Auteurs
Fédération des conseils ouvriers et syndicats en Irak
Congrès des libertés en Irak
Solidarité internationale
Parti communiste-ouvrier d’Irak
Fédération internationale des réfugiés irakiens
Yanar Mohammed
Solidarité Irak
Nicolas Dessaux
Houzan Mahmoud
Stéphane Julien
Olivier Théo
Falah Alwan
Bill Weinberg
Organisation pour la liberté des femmes en Irak
Mansoor Hekmat
Azar Majedi
SUD Education
Camille Boudjak
Parti communiste-ouvrier du Kurdistan
Karim Landais
Muayad Ahmed
Richard Greeman
Tewfik Allal
Alexandre de Lyon
Fédération irakienne des syndicats du pétrole
Yves Coleman
Olivier Delbeke
Regroupement révolutionnaire caennais
Vincent Présumey

Dernières nouvelles
- The Network of Anti-Trafficking in women had held the ninth conference in Dhi Qar in Commerce Hall in Nasria province.(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI’s staff distributing the first deliveries from the food bags on women and children in the Eastern side of Mosul(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI’s reception center in the front lines of Rubida village(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI staff distribute flour bags(OWFI - 9 août 2017)
- OWFI refused the Women of Courage Award from the Department of Foreign Affairs of the US(OWFI - 9 août 2017)
- March 8th : A day in opposition against the genocide on the people of Mosul(OWFI - 9 août 2017)
- Important New Support for OWFI’s Work from European Funders(OWFI - 12 février 2017)
- Bread Baking Stoves and Supplies Empower Women in IDP Camp to Feed and Support Many Others(OWFI - 12 février 2017)